luglio 9, 2017

(senza titolo)

Di Lelio
Categorie: Uncategorized
Tag: Nessun tag
Commenti: Lascia un commento

ok adesso si fa sul serio


giugno 16, 2017

Lavori in corso

Di Lelio
Categorie: Uncategorized
Tag: Nessun tag
Commenti: Lascia un commento

Ci siamo quasi, tra pochi giorni partiremo con le prime cotte.

Nel mentre ecco una carrellata di immagini . a Presto


maggio 11, 2017

Tuttofood, quest’anno niente.

Di Lelio
Categorie: Uncategorized
Tag: Nessun tag
Commenti: Lascia un commento

Per la prima volta, da quando è nato, non ho partecipato a TuttoFood, ne come visitatore ne come espositore. Nei miei programmi una visita era prevista, ma un piccolo infortunio ad una caviglia, che mi impedisce di camminare con la dovuta disinvoltura, mi ha bloccato a casa. Peccato, avrei rivisto tanti amici (ringrazio quelli che mi hanno telefonato chiedendomi “dove sei?”) e incontrato alcune persone cui tengo molto. Pazienza avremo altre occasioni. Nel mentre…andiamo avanti il progetto Birra Carrù procede a pieno ritmo…i fermentatori sono in viaggio e la sala cottura quasi!


aprile 16, 2017

Accisa sulla birra: il primo ribasso da sempre (si fa per dire)

Di Lelio
Categorie: Uncategorized
Tag: Nessun tag
Commenti: Lascia un commento

Con il 2017 arriva l’ aumento  diminuzione delle accise per la nostra amata birra. Ora si pagano 3,02 euro  (invece di 3,04)euro per grado plato TASSEogni 100l di mosto. Che comunque è sempre circa il doppio di quanto si versava fino al 2013. A tutto questo si aggiunga l’iva che nello stesso periodo e passata dal 20% è al 22%.

La diminuzione comporta di sicuro un risparmio considerevole per le industrie, ma per i piccoli artigiani si tratta di pochi spiccioli. Ipotizzando una produzione di 1000 hl anno e stimando un plato medio di 12° significa risparmiare ben 240 (DUECENTOquaranta!!!) EURO. Mentre un produttore da 2 milioni di ettolitri (i big industriali italiani superano tale valore) si trova 480mila euro di risparmio (e di mancato incasso per lo stato). Anzi, se vogliamo fare i conti in tasca allo stato basta prendere i 17milioni di hl consumati ogni anno per capire che lo stato ha un gettito di circa 615 milioni di euro e che il comparto artigianale contribuisce per circa il 2% (12-13 milioni di euro).

Con questa manovra da “due centesimi“, assolutamente inutile per i piccoli produttori, ma decisamente significativa per i grandi, lo stato rinuncia a circa 4 milioni di euro che, a mio dire, avrebbe potuto investire molto meglio nel settore agevolando l’occupazione e la crescita. Ad esempio riducendo l’accisa per i produttori al di sotto dei 5000hl/anno a 2,50 euro/hl avrebbe rinunciato ad una cifra comparabile dando però una bella mano a chi cerca di sviluppare al meglio il proprio microbirrificio, per altro suddividendo in maniera molto più equa e democratica lo sconto fiscale.
Ma quanto incide realmente sulla nostra media al pub o sulla bottiglia che ci degustiamo la sera con gli amici giocando a briscola?

Grazie ad un servizio online gratuito ho realizzato, riprendendo un mio post del 2015 questo piccolo foglio di calcolo . Variando il grado plato e la quantità di mosto automaticamente si aggiornano i risultati. Ho inserito anche l’inusuale (per i micro italiani) formato da 66cl. Questo formato è tipico delle birre a basso prezzo da Hard Discount (e la domanda è…ma cosa ci sarà mai li dentro?). Su produzioni piccole, tipiche artigianali, in realtà l’incidenza dell’accisa è ancora maggiore, specialmente se si paga l’accisa sul mosto e non sul prodotto finito, in quanto vi sono perdite quantificabili in alcuni punti percentuale.

ecco il calcolo dell’accisa sulla birra aggiornato al 16-04-2017




  • Should be Empty:



aprile 11, 2017

Abbinamenti col formaggio

Di Lelio
Categorie: Uncategorized
Tag: Nessun tag
Commenti: Lascia un commento

sempre di grande attualità anche se adesso rivedrei alcune cose.