e l’industria come fa?

Il titolo è ironicamente ispirato al titolo della canzone per bambini (Zecchino d’oro)
il coccodrillo come fa

non c’è nessuno che lo sa
si arrabbia ma non strilla


Una piccola analisi che, in poche righe, cerca di sintetizzare quel che l’industria birraria italiana ha fatto in campo promozionale/marketing negli ultimi 30 anni. Possiamo ispirarci a loro per proporre al meglio la nostra birra? Forse si, con le dovute cautele ovviamente!


… come non ricordare il “birra e sai cosa bevi”, “sarò la tua bionda”, “l’uomo col baffo” della Moretti o, per arrivare a tempi più recenti ”birra ai tre luppoli”. L’industria ha sempre investito molto nel cercare di diffondere e migliorare l’immagine del proprio brand a discapito della concorrenza, (anche se la campagna “birra e sai cosa bevi” era firmata Assobirra e faceva forza sul minor contenuto alcolico rispetto al vino ed al ridotto apporto calorico rispetto ai soft drink) senza mai proporre vere e proprie *”innovazioni”, sia a livello di prodotto che ha livello di comunicazione. Non ha mai creduto in un mercato di appassionati ed esigenti consumatori, limitandosi a cercare di colpire il “bersaglio grosso”, la massa. Tutto questo può essere trasferito alla birra artigianale? Certo che può in quanto le motivazioni base che spingono all’acquisto del nostro prodotto (è questo che vogliamo vero?) sono sempre le stesse, a prescindere dalla categoria merceologica ed al tipo di pubblico che vorremmo raggiungere.

*con la debita eccezione del pruripremiato spot Heineken dove il cane guida di un non vedente beve una birra, incautamente rovesciata, e si ritrova visibilmente alterato nel guidare il suo padrone. Chiaro il messaggio “se bevi non guidi”.

Cotta pubblica sabato 19 Maggio
Una cotta pubblica presso il birrificio B&C di Narzole (cn) per scoprire tutti i segreti della produzione di un’ottima birra artigianale. Poca teoria e tanta pratica per vedere da vicino le difficoltà ed il “divertimento” nel produrre birra professionalmente.
vedremo:
Macinatura. ammostamento, step di temperatura, filtratura, lavaggio delle trebbie, bollitura, luppolatura, whirpool, travaso del mosto. 7 ore di full immersion nel fantastico mondo della birra artigianale.
Lelio Bottero, autore di 5 libri sulla birra artigianale italiana e Marco Costamagna, mastro birraio del B&C, saranno a disposizione per spiegare, e mostrare tutte le fasi della lavorazione. Un’occasione unica per toccare con mano quanto sia affascinante (e impegnativo) produrre birra.
iscrizione obbligatoria
costo 35 € pranzo (e tutte le birre che serviranno per passare la giornata) incluse 
per info e iscrizioni  http://www.giratempopub.it oppure 017267568

Lascia un commento